Il Commento al 5° Turno

A cura di Fabio Delle Fave

Continua la marcia solitaria di Corletto dopo il sesto turno del XXVI Torneo di Segrate.

In prima scacchiera, opposto a Delle Fave, la vittoria va al primatista in una gara dove entrambi i giocatori non si sono risparmiati nell’attacco, dando vita a una partita essenzialmente divertente, il punto però lo fa il Bianco che prendendo diversi rischi tra cui perdita di pedone e qualità, sfrutta il posizionamento migliore dei pezzi e il fatto che il Nero, in forte zeitnot, commette un errore e prende matto.

Ora gli inseguitori sono diventati 3 e tutti distanti un punto dal capolista, Casartelli ha ragione di Ripepi solo nel finale, dove l’avversario perde materiale anche perché è a corto di tempo, Santelli sfrutta una svista di Pioggia che non vede una spinta di pedone che gli fa perdere un pezzo e infine l’outsider Montagner trova nel finale, un doppio di Cavallo determinante per vincere la gara contro Morosi.

E poi a 3.5 punti, che tenta di risalire in classifica, c’è il campione uscente Moreschi, che vince con esperienza, il finale di pezzi leggeri contro Amoroso.

Il primo turno del nuovo anno vede un’unica patta, è quella tra Cavadini e Trinca A. i giocatori danno vita a un match dove decidono di non farsi tanto male, mentre la Spoto-Bianchi, non viene disputata per assenza di entrambi i giocatori, quindi viene decretata la sconfitta per entrambi e questo significa l’eliminazione dal torneo per il Bianco per le troppe assenze e la quinta sconfitta in altrettante partite per il Nero.

Continua la crisi di Bradascio, ancora sconfitto questa volta da Loconsolo L. che guadagna un pezzo e lo tiene stretto fino alla fine, invece ironia della sorte, il fratello Loconsolo G. perde un pezzo nella gara contro Stanca che da esordiente del torneo, si porta a 3 punti in 4 gare giocate perdendo solo contro il primo in classifica.

Le ultime gare di giornata riguardano lo scontro tra i non più giovanissimi Trussardi e Trinca D. che viene vinto dal primo perché riesce a guadagnare un pezzo che a lungo andare fa la differenza, ma la partita non è stata avara di emozioni, mentre a Vaccari basta piazzare le Torri in settima traversa per infliggere il matto a Fusco. Infine Padolecchia, fa un punto essenzialmente senza particolari problemi contro Padovan.

Turno n.7 in programma il 30 gennaio 2020, ma il 6 febbraio, avrà luogo la particolare serata “A te la mossa” che metterà di fronte gli scacchisti a pensare a cosa giocano i GM quando si trovano in momenti cruciali del gioco. In palio, oltre che il premio “Miglior Analista” 12 punti Elo Segrate per il migliore di serata e 6 e 3 punti per secondo e terzo calssificato.



Trovate questo articolo anche qui.